Ondabox | Plastica: fiumi italiani inquinati
Una delle priorità relative ai cambiamenti climatici è la necessità di una corretta gestione delle risorse idriche, proteggendole adeguatamente dall'inquinamento pervasivo da plastica.
carta, cartone, plastica
15692
post-template-default,single,single-post,postid-15692,single-format-standard,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,columns-4,qode-theme-ver-16.7,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

Plastica: fiumi italiani inquinati

Plastica: fiumi italiani inquinati

La siccità dell’inverno ha “portato a galla” ancora una volta i gravi problemi di inquinamento dei fiumi italiani.

Alcune immagini del Canal Bianco, corso d’acqua che fa parte del bacino idrografico del Po, scattate nei pressi di Legnago (VR), sono veramente impressionanti e ricordano, pur con le debite proporzioni, la situazione che si verifica in fiumi quali lo Yangtse, il fiume Giallo o l’Indo.

Ma non si tratta di un problema soltanto locale: come ricordano da Greenpeace, ogni minuto, ventiquattro ore al giorno, l’equivalente di un camion pieno di plastica finisce nei mari del Pianeta. I corsi d’acqua sono ormai invasi da contenitori e imballaggi usa e getta. Una delle priorità relative ai cambiamenti climatici è la necessità di una corretta gestione delle risorse idriche, proteggendole adeguatamente dall’inquinamento pervasivo da plastica.

Sono necessarie misure urgenti che riducano la diffusione di plastica monouso.

Fonte: http://www.greenreport.it/news/economia-ecologica/greenpeace-la-siccita-porta-a-galla-la-plastica-che-inquina-i-corsi-dacqua-italiani/